I 3 step per curare il Mal di Schiena Senza farmaci anche se hai 80 anni

Quali sono i passi fondamentali per curare il mal di schiena senza farmaci?

Nella società odierna la lombalgia ha raggiunto dei numeri impressionanti. Basta aver superato i 30 anni, età in cui potevi permetterti di tutto, maltrattare il corpo, prendere colpi di freddo, buttare giù qualche bicchierino in più, e non ti accadeva niente.

Quando si arriva alla quarantina le cose sono un tantino diverse. Ci vuole MANUTENZIONE.

Noi esseri umani siamo come le automobili, nei primi anni di vita puoi anche dimenticare di cambiare l’olio senza alcuna conseguenza. Ma guai a trascurarla dopo 6/7 anni (forse anche meno) che escono mille problemi.

Fortunatamente l’auto se ti lascia a piedi molte volte, nonostante i controlli di routine, puoi sempre decidere di venderla per acquistarne una nuova. Per il tuo corpo è un tantino diverso. Si, è vero che ormai l’ortopedia ha fatto passi da gigante sostituendo le articolazioni con le protesi proprio come si fa con i pezzi delle auto, ma il processo con il quale si svolge il tutto è un tantino più impegnativo.

Il modo con il quale si cerca di alleviare il mal di schiena lombare è semplice da spiegare. Ci si mette un bustino per contenere la schiena, si fa qualche infiltrazione, una “bustina”, e se ti va bene il dolore migliora o come per incanto va via.

Peccato però che con queste pratiche veloci i dolori alla schiena tendono a ritornare…

Infatti, probabilmente ti svegli tutto “incriccato”, e non riesci più a muoverti in modo sciolto e naturale.

1)  COME CURARE IL MAL DI SCHIENA SENZA FARMACI: EVITARE I CIBI ACIDI

Quando si parla di alimentazione spesso ci si riferisce esclusivamente alla perdita di peso, all’addome piatto, al sedere senza cellulite tralasciando completamente il concetto che un’alimentazione pasticciata può creare disastri alla salute.

I cibi che noi ingeriamo crediamo erroneamente che abbiano un effetto solo sulle maniglie dell’amore, ma nella realtà dei fatti non è così. Il nostro corpo è dotato di organi escretori (fegato e reni), ovvero eliminano le tossine dal corpo, e se sono troppo impegnati nella loro attività a causa di cibi di bassa qualità possono far esplodere il mal di schiena.

Quindi il primo step per migliorare la lombalgia è sicuramente un’alimentazione corretta composta dalla giusta quantità di cereali integrali, frutta e verdura DI STAGIONE, pesce e un po’ di carne, cercando di limitare al massimo i dolci, i latticini, le bevande zuccherate, le bevande gasate ecc.

Ormai lo sa tutto il mondo che negli alimenti industriali ci sono delle sostanze che non vanno d’accordo con il nostro corpo e che possono causare delle infiammazioni articolari.

2) AVERE UNA POSTURA CORRETTA RENDENDO ELASTICHE TUTTE LE ARTICOLAZIONI DEL CORPO

La postura è l’espressione del corpo nello spazio e il rapporto tra i segmenti corporei. Quando i rapporti tra le articolazioni variano, per le più svariati cause, allora il corpo comincia a trovare una propria strategia di adattamento per non soffrire facendo evidenziare così la famosa postura scorretta.

Per rendertela semplice, se in passato hai subito un colpo di frusta in auto (esempio), la prassi convenzionale ha voluto che hai indossato il collarino per circa 1 settimana e hai assunto farmaci antinfiammatori o antidolorifici.

Passato il dolore hai creduto erroneamente che il problema si sia risolto.

Invece che cosa è successo realmente?

il corpo ha attivato un meccanismo di emergenza, ovvero, ha instaurato una serie di contratture muscolari per limitare i movimenti della cervicale e salvaguardare le vertebre. Infatti se ti guardi allo specchio e ti osservi attentamente noterai che la tua cervicale è spostata leggermente a destra o a sinistra o sul piano laterale la testa è leggermente anteriorizzata, ovvero è protratta in avanti.

A causa del cambiamento posturale della cervicale tutto il corpo si è dovuto adattare. Come?

Probabilmente instaurando una ipercifosi, alzando una spalla rispetto all’altra, spostando il bacino da un lato o dall’altro e infine cambiando l’appoggio dei piedi.

Ovviamente parliamo di piccole modificazioni.

Questa modificazione strutturale, provocata dalle tensioni delle catene muscolari, non ti fa eseguire i movimenti in modo fisiologico. Per questo motivo, possono nascere dei veri e propri colpi della strega.

Quindi la cosa più saggia da fare è andare a ricercare tutte le possibili cause che hanno dato come risultato la postura attuale e trattarle per alleviare o addirittura sconfiggere il mal di schiena.

Infine, siccome alla schiena si è creata un’instabilità vertebrale, bisogna rinforzarla con degli esercizi mirati al muscolo multifido profondo (stabilizzatore della schiena)

3) PRATICARE  GLI ESERCIZI PER RINFORZARE LA SCHIENA

Come già ho ribadito più volte, la pillolina magica che come per incanto la prendi e fa sparire il mal di schiena NON ESISTE. Spesso per ottenere dei risultati ci vuole impegno, dedizione, costanza, e se non sei una persona che comincia a vedere il problema del mal di schiena lombare sotto questo punto di vista, allora bello mio ti consiglio di chiudere questo blog perché stai perdendo tempo.

Come ti dicevo prima, anche se hai cominciato a mangiare correttamente eliminando i “cibi killer” per la schiena, non credere che sia finita qui! Tutte quelle schifezze che hai mangiato hanno creato delle tensioni alla schiena, che se non le elimini con degli esercizi mirati ti causeranno per l’ennesima volta il mal di schiena.

Per di più, la muscolatura della tua schiena, che soffre da tanto tempo si è indebolita, non è più in grado di stabilizzarla, infatti non è raro fare un minimo sforzo come ad esempio pulire il giardino che il giorno dopo ti senti distrutto.

Oltretutto mettiamoci pure che lavori seduto al computer con la schiena bloccata per 8 ore al giorno.

Come ti accennavo prima, la muscolatura della schiena è dotata di due tipi di fibre:

  1. Cinetiche
  2. Tonico posturali

Per semplificare la comprensione, le cinetiche sono le fibre muscolari deputate al movimento, quindi si attivano quando camminiamo, ruotiamo la schiena per afferrare un oggetto ecc.

La muscolatura tonica, invece, è composta da una fibra molto resistente che si attiva PRIMA di compiere un movimento proprio perché deve consentire la stabilità del corpo durante un movimento.

E il nocciolo della questione sta proprio qui. Ovvero, quando soffri di mal di schiena lombare, la muscolatura tonica non funziona più fisiologicamente; non si attiva più prima della muscolatura cinetica con conseguente perdita della stabilizzazione che provoca un irrigidimento della muscolatura cinetica.

Sicuramente gli esercizi di stretching per la schiena tutte le mattine ti danno sollievo, ma se non rinforzi la muscolatura posturale campa cavallo che l’erba cresce. Si lo so che quando allunghi la colonna vertebrale stai meglio. E’ normale! Elimini la tensione superficiale e ti senti più sciolto. Ma se non rinforzi la muscolatura profonda, la mattina ti sveglierai sempre come se al posto della schiena hai una “tavola da surf”.

E anche se vai in palestra può non andare bene perchè la maggior parte degli esercizi che ti faranno fare saranno mirati alla muscolatura CINETICA. E a te non serve quel tipo di lavoro…

Purtroppo per te, anche se la lombalgia passa, la muscolatura tonica continuerà a non attivarsi e rischi di bloccarti al primo movimento a freddo. Il miglior modo per riattivare questo tipo di muscolatura per svegliarti finalmente fresco è praticare degli esercizi posturali mirati che trovi qui:

http://schienanuova.com/programma-schiena-nuova/

 

 

Nel corso degli anni ho visto i casi più disperati e posso confermarti che le strategie per curare ma soprattutto prevenire il mal di schiena lombare senza imbottirti di farmaci esistono e sono molto efficaci. Bisogna solo attivarsi consapevoli che una via d’uscita dal dolore c’è.

Come sempre attendo i tuoi commenti…

Alla prossima

 

Dr. Agostino Incarnato

Laureato in Fisioterapia, Specializzato in Neuro-Posturologia e Terapia Osteopatico Posturale. Esperto in Ginnastica Antigravitaria e Rieducazione Propriocettiva. Ideatore di Schiena Nuova- Postura corretta, Zero dolori 


Nell’anno 2015 è tra i SOCI FONDATORI (insieme ad alcuni medici volontari) dell’ “Ambulatorio di Medicina Solidale San Ludovico da Casoria- Onlus”



Dr. Agostino Incarnato

 

PS: Per ricevere a casa tua il programma Schiena Nuova clicca il link qui sotto:

Programma schiena nuova

Condividi su:
Facebook

Commenti

commenti

Inserisci un commento